ISO 17094

Metodo per la determinazione dell’attività antibatterica dei materiali fotocatalitici in condizioni di luce indoor

Scopo e campo di applicazione


Lo scopo di questo metodo è quello di determinare l’attività antibatterica dei materiali contenenti un fotocatalizzatore o aventi un film fotocatalitico sulla loro superficie, mediante l’enumerazione dei batteri sopravvissuti in seguito ad esposizione a luce visibile.

I materiali fotocatalitici, irradiati da fotoni, possono svolgere molteplici funzioni grazie al rilascio di specie reattive dell’ossigeno in grado di decomporre contaminanti presenti nell’aria, eliminare cattivi odori ed esercitare un’azione antibatterica.

Principio del metodo


Il principio del metodo si basa sulla determinazione dell’attività antibatterica del materiale fotocatalitico in seguito ad un opportuno contatto tra il campione ed i batteri sotto esposizione UV e parallelamente al buio. Dopo l’esposizione i batteri vitali vengono recuperati e successivamente misurati mediante un metodo di conta. I risultati verranno comparati con quelli ottenuti dai provini di controllo privi di attività fotocatalitica esposti alle stesse condizioni.

Il test può essere condotto anche su altri ceppi batterici oltre a quelli previsti da norma (anche farmacoresistenti) e a varie tempistiche a seconda dell’uso.

Altri servizi offerti


Il laboratorio esegue inoltre test per poter valutare l’attività antifungina (ISO 13125) e antibatterica (ISO 27447) dei materiali fotocatalitici, quando esposti a luce OUTDOOR.

A supporto dell’efficacia antibatterica di base, il laboratorio esegue test di valutazione della sua durata nel tempo, mediante invecchiamento accelerato del prodotto, simulazione di utilizzo, condizioni di sporco, etc.,  in base alla destinazione d’uso.

Il laboratorio sviluppa protocolli di validazione di dispositivi antimicrobici che sfruttano la fotocatalisi come meccanismo d’azione.